martedì 13 marzo 2012

Ultim'ora: rogo a Fornasotto Anziano resta intossicato

I vigili del fuoco a Fornasotto
(foto Cesni)
Attimi di paura ieri a Pontirolo Nuovo, per un incendio scoppiato nel solaio di una villetta in via Bergamo: l'intenso fumo causato dal rogo ha investito il proprietario, 79 anni, intossicandolo.
L'uomo è stato portato all'ospedale Policlinico San Marco di Zingonia, ma per fortuna il quadro clinico è risultato migliore di quanto inizialmente si temesse: dopo due ore ha infatti potuto far ritorno nella sua casa che, non avendo subito danni strutturali, è stata dichiarata agibile. 


A causare l'incendio è stato probabilmente un surriscaldamento della canna fumaria della stufa a legna al piano terra che, irradiando calore, ha incendiato gli oggetti e i vestiti depositati nel solaio. 
A notare, intorno alle 10, le fiamme uscire dal comignolo è stato un passante che ha subito avvisato il proprietario, in casa con la moglie. Si trovavano invece al lavoro i due figli che vivono con i due coniugi. Immediata la chiamata ai vigili del fuoco: intervenute sul posto tre quadre da Treviglio, due da Bergamo e una da Dalmine. 
A quel punto il settantanovenne ha accompagnato un pompiere nel solaio per indicargli il punto dove era scoppiato l'incendio, che inizialmente sembrava circoscritto. Nell'aprire la porta però, probabilmente per l'aria immessa nella stanza, le fiamme sono improvvisamente divampate, causando anche lo scoppio della centralina elettrica dell'impianto fotovoltaico sul tetto. Si è quindi generato un denso fumo nero che ha investito in pieno l'anziano e invaso tutta la casa. È riuscito invece ad evitarlo, abbassandosi, il pompiere che si trovava con lui. Il settantanovenne è stato subito dopo portato in ambulanza all'ospedale, dov'è stato sottoposto a una terapia di ossigeno. A causa del fumo i vigili del fuoco, per entrare nella casa a spegnere le fiamme, hanno dovuto indossare le maschere d'ossigeno, lavorando circa due ore per spegnere le fiamme; è stato anche necessario per circa mezz'ora chiudere al traffico via Bergamo (l'ex statale 525): a regolare la viabilità i carabinieri di Fara d'Adda e i vigili di Canonica e Pontirolo.
Fortunatamente le fiamme non hanno danneggiato il tetto in cemento e la soletta del solaio, di circa 100 metri quadri. Rovinati, invece, vestiti e oggetti che si trovavano al suo interno.
(da L'Eco di Bergamo del 13/03/12)

Nessun commento:

Posta un commento